In cooperazione con Amazon.it

Mal di testa : Sintomi e Cause

Mal di testa : Sintomi e Cause

 

Il mal di testa comune, spesso chiamato anche cefalea, è un dolore localizzato all’interno del capo o alla parte superiore del collo.

Il mal di testa può verificarsi per svariati motivi e i fattori scatenanti possono essere molteplici.

Possiamo ricordare fattori nervosi, infiammatori oppure problemi vascolari.

Stress fisici ed emotivi, abuso o mancato consumo di caffeina, calo di zuccheri dovuto a digiuno prolungato, iperglicemia, postura scorretta, sbalzi climatici e/o aria condizionata, odori e/o profumi intensi.

Ed ancora alterazioni del ritmo sonno-veglia, uso prolungato del computer.

mal di testa : sintomi e cause

 

Classificazione, Sintomi e Cause

 

I mal di testa vengono comunemente classificati secondo il metodo della ICHD “Classificazione Internazionale delle Cefalee” che distingue le cefalee primarie in base ai sintomi e le forme secondarie in base alla loro eziologia.

E’ possibile suddividere il mal di testa fondamentalmente in tre categorie : Cefalee primarieCefalee secondarieNevralgie Craniche con dolori facciali centrali o primari e altre cefalee.

 

 

 

Cefalee Primarie

 Le cefalee primarie devono essere considerate come delle malattie vere e proprie, in quanto non sempre scatenate da cause specifiche immediatamente identificabili.

Nella maggior parte dei casi sono legate a cattive abitudini di vita, a reazioni ormonali o a fattori ambientali.

Le cefalee primarie sono la forma più comune di mal di testa e, fra queste, tre sono le principali:

  1. Cefalea tensiva: rappresenta la forma più comune ed è la forma meno dolorosa di cefalea primaria. Il mal di testa dipende principalmente dall’involontaria e continua contrazione dei muscoli della nuca, della fronte, delle tempie, del collo e delle spalle, associata a condizioni di tensione. La cefalea tensiva può essere correlata allo stress, alla depressione, all’ansia o alla postura scorretta. Il dolore è bilaterale e costrittivo, localizzato nella regione occipitale oppure diffuso a tutto il capo. Il mal di testa è persistente, ma di intensità media o lieve. Raramente compaiono nausea e vomito.
  2. Emicrania: costituisce il secondo tipo più comune di cefalea primaria. Colpisce prevalentemente le donne, ma può presentarsi anche in età infantile. Il dolore è descritto come intenso (moderato o grave) e di natura pulsante. Il dolore tende ad esordire lentamente, solo su un lato della testa, coinvolgendo la regione frontale sopra l’occhio e la tempia. Il mal di testa in questo caso può diffondersi ad entrambi i lati e di solito peggiora col movimento. Ad esempio, un attacco emicranico può variare da quattro ore a tre giorni.  Tuttavia, le cause esatte dell’emicrania sono sconosciute, ma la teoria principale sembra essere orientata verso un origine neuro-vascolare del disturbo.Alcuni stimoli, infatti, inducono un’alterazione del sistema di regolazione del dolore, che a sua volta provoca cambiamenti nei vasi sanguigni del cervello. L’emicrania si associa a sintomi come : nausea, vomito, fotofobia (sensibilità alla luce), fonofobia (sensibilità al suono) e/o osmofobia (sensibilità agli odori).L’emicrania può manifestarsi con o senza aura. L’aura consiste in una serie di sintomi transitori di tipo neurologico (disturbi visivi, sensoriali e della parola), che precedono e accompagnano particolari forme di emicrania.

  3. Cefalea a grappolo: rappresenta la forma di cefalea primaria meno comune, ma più grave. Il dolore è intenso e di tipo trafittivo e lancinante. Il mal di testa è quasi sempre unilaterale e nel corso di un attacco rimane quasi sempre sullo stesso lato.Gli attacchi sono frequenti e ravvicinati (possono durare da due settimane a tre mesi) e tendono a presentarsi in determinati periodi del giorno e dell’anno. Ogni episodio di cefalea a grappolo dura da 15 minuti a 3 ore e si può manifestare con frequenza variabile.

    L’attacco inizia in maniera rapida e raggiunge la massima intensità entro 15 minuti circa. Il caratteristico dolore alla testa può essere associato ad altri sintomi ben definiti, come lacrimazione, arrossamento congiuntivale, abbassamento della palpebra, rinorrea e congestione nasale. La cefalea a grappolo non si accompagna quasi mai a nausea e a vomito.

    Tale patologia colpisce più frequentemente gli uomini, i fumatori e gli adulti di età superiore ai 20 anni.

    Le possibili cause, sono ancora da definire, ma è possibile che siano legate a alterazioni ormonali o nervose.

    I principali fattori scatenanti sono : stress, alterazioni dei ritmi sonno-veglia, fumo ed eccessivo consumo di bevande alcoliche.

 

Cefalee Secondarie

Per cefalee secondarie si intendono quei mal di testa conseguenti ad una condizione medica.

Tra le cause ritroviamo patologie cerebrali, craniali, internistiche o psichiatriche, oltre a quelle derivanti da abuso di farmaci, come ad esempio gli analgesici.

 

 

Nevralgie Craniche con dolori facciali centrali

 

Vedi Approfondimenti : Nevralgia del trigemino

 

 

Lascia un commento