Gonfiore Addominale: Consigli sullo stile di vita

Gonfiore Addominale

Consigli sullo stile di vita…

 

gonfiore addominale stili di vita

 

Il gonfiore addominale è un fenomeno molto diffuso, legato non soltanto al sovrappeso o ad un accumulo di grasso addominale, ma anche ad alimentazione scorretta o disordinata, difficoltà digestive, alti livelli di stress o ansia, intolleranze (lattosio, glutine), transito intestinale rallentato, disbiosi e alti livelli di stress o ansia.

L’insieme di questi fattori fa si che il cibo rimanga più a lungo nell’intestino e che venga quindi fermentato dalla flora batterica intestinale con maggiore produzione di gas.

 

QUALI SONO GLI ALIMENTI CONSIGLIATI?

 

Ecco cosa mangiare quando si ha la pancia gonfia…

Innanzitutto cereali integrali, anche senza glutine.

Frutta e verdura di stagione.

Riso, farro, miglio, quinoa, kamut, avena, carne bianca, pesce, uova, finocchi, carote, zucca, zucchine, sedano, verdure a foglia verde, agrumi, frutti di bosco, melone, mela, ananas, tisane carminative.

cereali integrali

 

 

QUALI SONO, INVECE, GLI ALIMENTI SCONSIGLIATI?

 

Ecco cosa non mangiare quando si ha la pancia gonfia.

Tra gli alimenti sconsigliati, vogliamo ricordare in primis, bibite gassate e zuccherate, alcolici, chewing gum, pasta, pane, pizza, grissini, dolci, alimenti industriali molto lievitati, patate, latte e formaggi freschi, fritti, insaccati e cibi ricchi di sale.

bibite gassate

Limitare il consumo di cavoli, cavolfiore, broccoli, verze, legumi.

 

 

CONSIGLI SULLO STILE DI VITA

 

Innanzitutto, mangiare lentamente e masticare bene il cibo. Questi due importanti fattori facilitano la digestione, riducendo la formazione di gas.

Evitare cibi elaborati e pasti troppo abbondanti. Preferire un alimentazione semplice, imparando ad abbinare correttamente gli alimenti, ad esempio le verdure con le proteine.

Aumentare il consumo di fibre per favorire il transito intestinale.

Iniziare i pasti con verdura cruda, ricca di fibre e di enzimi che favoriscano la digestione.

Consumare frutta lontano dei pasti per non rallentare i processi digestivi.

Cercare di ridurre i livelli di stress.

Praticare quotidianamente attività fisica, ad esempio una camminata.

Evitare il fumo e gli alcolici.

Prendersi cura del proprio intestino e della flora batterica intestinale.

 

 

Sai cosa sono gli alimenti ricchi di FODMAP? Clicca qui

Lascia un commento