In cooperazione con Amazon.it

Celiachia: sintomi, cause, diagnosi

 

Celiachia: sintomi, cause, diagnosi

Celiachia: sintomi, cause, diagnosi

La celiachia è un’infiammazione dell’intestino tenue provocata da una reazione immunitaria al glutine.

Il glutine è una proteina presente nella farina di frumento, nell’orzo, nella segale, nell’avena.

Quando una persona affetta da celiachia ingerisce alimenti contenenti glutine, nella parte superiore dell’intestino si scatena una forte infiammazione che impedisce all’organismo di assorbire dal cibo determinati nutrienti.

Poiché il tenue è la sede principale dell’assorbimento delle sostanze nutritive nel circolo sanguigno, il malassorbimento e quindi la carenza di sostanze nutritive può condurre a gravi malattie.

Se non viene trattata opportunamente, la celiachia può portare a malnutrizione e questo può essere dannoso soprattutto per i bambini.

 

Quali sono i sintomi della celiachia?

Non esistono sintomi tipici della celiachia, la maggior parte delle persone che ne è affetta lamenta disturbi generici come diarrea e dolori addominali; altre invece non manifestano nessun problema gastrointestinale.

I sintomi della celiachia, tuttavia, possono simulare quelli di altre malattie come la sindrome del colon irritabile, l’ulcera gastrica, il morbo di Crohn, le infezioni parassitarie, anemia, disordini della pelle o disturbi nervosi.

La celiachia può anche manifestarsi con cambiamenti nell’umore, irritabilità, disturbi allo stomaco, dolori alle giunture, crampi muscolari, eczemi cutanei, ecc.

 

Celiachia: sintomi, cause, diagnosi

 

Quali sono le cause?

Le cause vere e proprie sono sconosciute, si tratta di un difetto ereditario, anche se chiunque può essere affetto da celiachia.

Qualora qualcuno in famiglia abbia già la celiachia, conviene effettuare un controllo al fine di evitare le complicazioni derivanti dalla mancata cura della malattia.

Nel bambino, i primi sintomi si manifestano di solito entro i sei mesi e l’anno e mezzo di età, ovvero nel periodo di svezzamento, quando cioè il bambino inizia ad assumere alimenti che contengono glutine.

 

Celiachia: sintomi, cause, diagnosi

 

Come avviene la diagnosi?

Un analisi del sangue può aiutare la diagnosi, in quanto chi è affetto da questa malattia ha un livello di anticorpi maggiore del normale.

Per confermare la diagnosi si effettuando tecniche endoscopiche come la colon-scopia con biopsia per cercare un eventuale danneggiamento dei villi intestinali.

La diagnosi può essere anche confermata mediante l’osservazione scrupolosa delle reazioni in seguito ad una severa dieta libera dal glutine.

 

Articoli correlati – Celiachia: possibili trattamenti

Lascia un commento